In occasione dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018, l’Università di Parma, in sinergia con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma, dà avvio a un ciclo biennale di Seminari di Europa, che intendono porre al centro del dibattito pubblico cittadino gli ideali, i principî e i valori insiti nel patrimonio culturale dell’Europa quale fonte condivisa di memoria, comprensione, identità, dialogo, coesione e creatività (Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 20 maggio 2017, Legge 131/1).

Nato dalla comune riflessione tra colleghi delle Unità di Storia e di Lingue del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali (DUSIC), e del Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale (CUCI) dell’Università di Parma, il progetto dei Seminari di Europa è frutto della collaborazione dell’Ateneo e del Comune di Parma con la Giunta Centrale per gli Studi Storici di Roma e con le seguenti istituzioni con sede a Parma: Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna – Ufficio IX (Ambito territoriale di Parma e Piacenza); Fondazione Collegio Europeo; Scuola per l’Europa; Liceo Scientifico Statale “G. Marconi”, Polo Scolastico Agro-Industriale.

Dopo l’inaugurazione del progetto il 9 maggio scorso, in occasione dello Europe Day 2018, con la conferenza del Presidente della Giunta Centrale per gli Studi Storici, prof. Andrea Giardina, sul tema Europa ed Europei: le origini antiche, si è inteso progettare i seguenti due cicli di Seminari di Europa, che avranno avvio il 3 ottobre 2018 in occasione della Giornata nazionale della Memoria e dell’Accoglienza istituita dalla Legge 21 marzo 2016, n. 45 (Gazzetta Ufficiale serie generale n. 76 del 1 aprile 2016: Istituzione della Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione):

  • il primo ciclo dei Seminari di Europa (a.a. 2018-19), centrato sul tema: “Costruire ponti e abbattere muri”: migrazioni, accoglienza e spirito europeo, è stato compreso tra le iniziative patrocinate dal MiBAC in occasione dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale.
  • il secondo ciclo (a.a. 2019-20), dal titolo Variazioni sul tema della tolleranza, sarà incluso tra gli eventi programmati dal Comune di Parma per le celebrazioni di Parma Capitale Italiana della Cultura.

I Seminari di Europa sono destinati non solo alla comunità accademica, ma aperti alla cittadinanza e, in modo particolare, agli alunni e ai docenti delle scuole del territorio, con cui – in un momento estremamente complesso della storia d’Europa – si intende rafforzare la collaborazione e il dialogo sui temi dell’incontro tra culture e sul patrimonio culturale europeo come bene comune, nella convinta riaffermazione dello spirito profetico del Manifesto di Ventotene.

Previa iscrizione sulla piattaforma S.O.F.I.A., la partecipazione ai Seminari di Europa sarà valida per gli insegnanti a titolo di aggiornamento professionale.

Parallelamente al calendario delle attività aperte anche al pubblico cittadino, per gli alunni delle scuole comprese nell’ambito territoriale di Parma e Piacenza è prevista la realizzazione di una serie di eventi sui temi oggetto della manifestazione: tali incontri avranno sede sia presso le singole scuole che si mostreranno interessate, sia – nell’ambito delle attività di orientamento universitario in ingresso – presso le strutture del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali (DUSIC).

Responsabile organizzativo dei Seminari di Europa è il prof. Alessandro Pagliara, vice Direttore del Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale (CUCI) e docente di Storia romana presso il Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali (DUSIC) dell’Università di Parma.